“Brucia il tribunale, finalmente un po’ di giustizia” – Libero Quotidiano



Eccolo il focolaio. Si può ridere del virus e figurati se non si può (anche) sorridere dell’ incendio che è scoppiato a Palazzo di giustizia, visto che di morti e feriti, per fortuna, non ce ne sono stati. Paradossalmente non poteva esserci momento migliore per un incendio – si fa per dire: s’ intende alle 5 del mattino, in un periodo di lavoro ridotto al lumicino – però i danni fisici ci sono eccome: il focolaio infatti è divampato al settimo importante piano del palazzaccio dove si trovano uno degli archivi che affaccia su un cortile interno oltre alla segreteria dell’ ufficio dei gip (giudici per le indagini preliminari) che lì hanno sede, assieme al Tribunale di sorveglianza. Poi i pompieri (diciotto squadre) hanno spento tutto, ma l’ acqua ha contagiato anche il sesto piano dove c’ è la Direzione Distrettuale Antimafia e qualche sezione civile, rendendo tutto inagibile.

 

Il fuoco ha letteralmente distrutto la cancelleria centrale dei gip perché è partito proprio da lì, e la terapia intensiva dei vigili del fuoco è intervenuta ormai in fase terminale. Sono intervenuti anche i carabinieri e il pm antiterrorismo Alberto Nobili, l’ aggiunto Eugenio Fusco e anche il procuratore Francesco Greco, tutti a commentare un disastro inaspettato e asintomatico: nessuno l’ immaginava, e le prime ipotesi incolpano un sovraccarico elettrico connesso agli impianti informatici. Anche nei due piani sotto c’ è oltretutto una grande quantità di fuliggine, ma non è per questo che i pm e i pompieri indossavano una mascherina.

CHIUSO AL PUBBLICOIn pratica si parla di un cortocircuito ai sistemi informatici spesso in sovraccarico, ma le indagini sono ancora in corso e la polizia brancola nel fumo. In mattinata era anche presente un’ unità mobile per la protezione delle vie respiratorie (chissà dove l’ hanno trovata, di questi tempi) ma per fortuna nelle prime ore del mattino all’ interno del Palazzo non c’ era nessuno, a parte i presidi di vigilanza delle guardie private posti agli ingressi. Ora ovviamente l’ edificio è chiuso al pubblico e si potrà entrare solo per le urgenze, presumiamo distanziati, e anche la presenza di magistrati e del personale amministrativo è ridotta al minimo, come spesso capita in un qualsiasi pomeriggio dell’ anno.

«È stato un incendio violentissimo con danni terribili», ha detto Francesco Greco. Per il presidente dell’ Ordine degli avvocati di Milano, Vinicio Nardo, il rogo «ha distrutto il cuore pulsante dell’ attività giudiziaria penale, per fortuna il digitale ci assiste. Le cause non le sappiamo, certo che effettivamente è un disastro. Gli atti sono tutti digitalizzati, ma non ci sono più le copie originali».Quindi non dovrebbe essere un problema.

INTERCETTAZIONI IN FUMO«È tutto recuperabile», ha detto il giudice per le indagini preliminari Guido Salvini, «quelli bruciati sono fascicoli in transito, attività recente.In particolare sentenze, decreti di condanna e anche di intercettazioni, atti in uscita dalla procura. Tutte carte che dovrebbero essere state digitalizzate».«Comunque è un disastro», ha detto ancora Nardo, «e le copie originali sono andate perse».A seconda delle situazioni, gli imputati sperano diversamente.

Sii il primo a commentare su " “Brucia il tribunale, finalmente un po’ di giustizia” – Libero Quotidiano "

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*