“Niente cenone”. Regole confuse e divieti non chiari. Bocciato Conte – Libero Quotidiano



Il 66% della popolazione italiana chiede una informazione più chiara e precisa e di conoscere in maniera approfondita quali sono i divieti ai quali far fronte ogni giorno, dopo la divisione del paese in tre zone (gialla, arancione e rossa). Quel 66%, infatti, secondo il sondaggio di Noto Sondaggi diretto da Antonio Noto, si lamenta di non conoscere con esattezza quali siano le restrizioni da rispettare. Nel frattempo, però, gli italiani si stanno preparando al peggio, almeno nelle aspettative. Notizie pessime, quindi, per Giuseppe Conte.

 

 

Il 62% è convinto che, durante le prossime festività, continueranno le proibizioni attuali. I provvedimenti definitivi del governo incidono già da adesso sui consumi, in quanto spiega Noto, si tende a non acquistare anche laddove i negozi sono aperti. Il 59% è convinto che sarebbe utile riaprire tutti i negozi, non solo in previsione del Natale, ma subito. Per il 65% dei cittadini i negozi sono luoghi sicuri. Inoltre il 64% pensa che ci dovrebbe essere almeno una tregua di 15 giorni sulle riaperture delle attività commerciali chiuse. L’aria natalizia potrebbe diventare anche un antidoto contro la depressione sociale che i provvedimenti del lockdown determinano.